Ci si alza presto la mattina, il chiaro ti chiama... è un bel giorno questo per andare a pescare, so' che ci sara' il sole... oggi è giorno di riposo, cosa c'è di meglio di una buona pesca?... poche parole e subito una decina di ragazzi gia mi aspettano sulla strada, prendo il necessario e via... si passa dal villaggio, si costeggia qualche recinzione di paglia, le donne intente ai loro lavori si distraggono al nostro passaggio per un saluto, è sempre piacevole sentire i saluti nella loro lingua "giola" qui il saluto è importante, il saluto dice tutto, praticamente dal saluto gia capisci l'umore della persona, una specie di mappa pre discussione, una delle cose che amo tanto di questa Africa... un piccolo baubab segna dove si deve girare e si sbuca nalle risaie.


Campi che si perdono all'orizzonte dove fra cielo e terra puoi scorgere linfinito... si cammina in fila indiana i piccoli stanno in mezzo, un cane fedele al gruppo ci accompagna, si respira aria di gioia mentre qualcuno corre fuori dal gruppo per fare pipi, non cè vergogna, esiste solo il naturale corso della vita...

I ragazzi cantano, un canto che tutti conoscono, un canto forse di gioia forse di battaglie forse un canto di guerrieri tramandato , dai tempi, io respiro, non mi voglio perdere nulla di tutto questo, mangio canti, dentro me si trasformano in emozioni, sono a mezzaria sospeso fra due mondi carico di vita... Si cammina e ancora e ancora, sembra di percorrere lo stesso sentiero, pestare la stessa erba, tutto è uguale, fisso un punto dove si intravvede in lontananza qualche albero, un bambino mi fa segno che il posto è la, si continua a camminare...  Si vedono mucche che pascolano tranquille e li parte un urlo, e via tutti a rincorrerle come a giocare a " se ti prendo ho vinto" io vengo subito sorpassato, osgna corrono come le lepri, io pero" come una gazzella" ma solo per due metri poi il "fiatone" mi richiama, ma mi dico che è solo perchè oggi si pesca e non si corre, tutti ridono, io respiro l'attimo e volo.


Arriviamo alla postazione, piccoli e medi laghetti si formano grazie alle maree e il pesce rimane intrappolato, io esulto!!, il pesce sara nostro, non puo' scappare!! disfiamo la rete e monto il lungo ferro, srotolo la corda e l'attrezzo è pronto, i ragazzi eccitati dal cominciare, io pure, non sono un pescatore e non so neanche che ci faccio con la rete in mano ma oggi è giorno di pesca e per niente al mondo mi sarei perso questi ragazzi, questo posto e questa pesca che ne è l'insieme.


Mi giro abbassando il bastone e senza far rumore deposito la rete in acqua, attendo qualche minuto prima di tirarla su ma forse qualche minuto era troppo, partono urla e la meta dei ragazzi è gia in acqua a giocare, osgna mi fate scappare tutti i pesci... tiro su la rete e mi sposto sul finire del piccolo lago, rimetto dolcemente la rete in acqua e non ci posso credere!!! cosa avranno mai capitoooo, forse che mi sono spostato per fargli spazio??? noooooo, anche tutti gli altri sono saltati dentro, anzi, non tutti, due sono sulla riva e fanno pipi proprio dove sto pescando! mi metto a ridere, questa è anche la mia Africa... mollo giu il ferro e salto in acqua anche io, ancora vestito ma tanto col sole tutto si puo' sistemare e facendo qualche urlo anch'io comincio a giocare con loro, ci tiriamo la fanga raccolta sul fondo, è morbida e spaciugosa, sa di fogna ma chi se ne frega, tanto siamo in acqua e ci possiamo anche lavare... penso che le cose piu belle siano quelle che avvengono quando meno te lo aspetti ma il segreto è di assorbire il tutto per trarne energia... è ora di tornare o cosi sembra, mi guardano strano, che c'è? mi dicono "non possiamo tornare senza pesce", che figura di pescatori falliti prima di cominciare ci facciamo??? ok, dai ora so io come fare, sistemo la rete nel centro e faccio correre tutti intorno, il pesce spaventato gli va sopra ed ecco la nostra caccia!!!  siamo tutti contenti.


Si torna, che sia orario o no torniamo felici per tutto cio che abbiamo vissuto insiame come una grande famiglia, forse il senso è questo, dividersi tutto e stare insieme in ogni cosa che si vive, qui c'e' un detto che dice " una mano da sola fa ben poco ma insieme una lava l'altra, la cura e l'aiuta" e cosi è la vita, insieme tutto si puo, si cresce si impara e ci si aiuta nei momenti difficili e si sa che alla fine si puo sempre contare sull'altra mano...


Mamma Africa

INFORMAZIONI

ASSOCIAZIONE MAMMA AFRICA

Via G.Deledda, 35
25025 Manerbio (BS)

C.F. 97011620172

E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.